Siamo alle soglie della WWDC 2019 e arrivano le prime indiscrezioni in merito al nuovo Mac Pro 2019. Qualcosa però non convince

Apple è molto attiva in questo periodo e sta ponendo le basi per il nuovo Mac Pro 2019. Stando a un documento interno della compagnia di Cupertino pubblicato ieri, il nuovo dispositivo ha preso forma e probabilmente verrà presentato al Worldwide Developers Conference.

Nessun dettaglio è stato confermato in merito al  Mac Pro,  se non la sua modularità, lasciando il resto alla speculazione. Inaspettatamente, però, è stata pubblicata una immagine su Imgur che sembra rappresentare una diapositiva che ritrae il “Mac Pro 7.1“. La diapositiva riporta logo Apple e data novembre 2018, non recentissima, ma lascia trapelare dettagli in merito al design del nuovo dispositivo.

mac-pro-

Come si evince dall’immagine, il nuovo prodotto Apple sembrerebbe avere una forma cubica, 7,7 pollici di larghezza, 11,55 pollici di altezza e 11,55 pollici di lunghezza, con bordi morbidi e arrotondati. Data la non ufficialità del documento e i pochi dettagli, riteniamo non siano elementi questi ben definitivi e sicuramente cambieranno in corso d’opera.

In aggiunta, nella diapositiva si nota la lista delle caratteristiche tecniche contenente un numero di elementi relativamente insolito che fanno dubitare sulla genuinità dell’immagine. Stando a ciò, il nuovo Mac Pro dovrebbe essere dotato di un processore Intel Xeon W Cascade Lake-X con chip di sicurezza Apple T2,  acceleratore Apple X2 e memoria DDR5 SO-DIMM. Ciò che fa strano è che i DDR5 SO-DIMM dovrebbero arrivare nel 2020. In aggiunta, sarebbero disponibili AMD Firepro-x, Nvidia Quadro/RTX BTO, tre slot PCIe 4 double-wide, 8 porte Thunderbolt 3, due porte HDMI 2.1, Ethernet da 10 gigabit e supporto per Bluetooth 5.1.

Il tutto sembra essere altamente irrealizzabile, ma non ci rimane che attendere il WWDC per scoprirlo. Apple è pronta a stupirci anche quest’anno?

 

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - SkyLeaks.it | Do not miss any TechNews - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.