Girada è stata multata di 250mila euro dall’AGCM per non aver rispettato gli impegni assunti circa l’applicazione del diritto di recesso

Girada non ha rispetto gli impegni assunti con l’Antitrust a Febbraio 2018. Dopo le segnalazioni degli utenti, l’ispezione dell’AGCM e, infine, la sanzione: 250mila euro.

Girada è diventata famosa in Italia a partire dal 2017 con l’introduzione del cosiddetto sistema di vendita piramidale: la piattaforma permette infatti di acquistare diversi dispositivi Hi-tech come smartphone, tablet e smart TV a poco prezzo attraverso vere e proprie catene di San Antonio.


Perchè la multa?

Violazione degli impegni assunti il 21 febbraio 2018. Con tale accusa, l’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato, ha multato Girada per 250mila euro. In particolare, l’Autorità ha accertato che l’azienda non ha portato avanti quanto aveva promesso di fare affinché il proprio sistema di vendita, potesse essere in regola.

Tra gli impegni che lo scorso anno AGCM aveva chiesto a Girada di assumere citiamo, come esempio, la necessità di una “sostanziale modifica del set informatico al fine di chiarire lo schema di vendita“, la “semplificazione delle modalità di accesso al modulo per l’esercizio di recesso”, oltre a fornire una serie di indicazioni che permettessero una “maggior trasparenza e semplicità” e permettere agli utenti, dopo “almeno 9 mesi dalla prenotazione”, di acquistare il prodotto scelto al prezzo di mercato praticato “al momento della richiesta”.

Le misure richieste dall’Autorità erano “orientate a superare gli elementi di criticità […] connessi al peculiare sistema di vendita adottato da Girada” che se adottate “avrebbero consentito ai consumatori di disporre di una serie di informazioni e strumenti di reazione capaci di sanare i possibili profili di illegittimità delle condotte commerciali” già oggetto del precedente provvedimento.

Girada non è mai ricaduta nella vendita piramidale, perché permetteva comunque di riscattare i beni pagando a prezzo pieno.


Gli utenti che truffano Girada

Tali indicazioni erano state fornite dall’Autorità e accettate da Girada il 21 febbraio 2018; dal 30 maggio 2018, però, sono pervenute all’AGCM una serie di segnalazioni da parte degli utenti che mettevano in luce un atteggiamento molto diverso da parte di Girada rea, in sostanza, di non aver rispettato gli impegni presi: mancato riconoscimento del diritto di recesso e mancata possibilità di acquistare il bene prenotato al prezzo di mercato al momento della richiesta alcune delle contestazioni.

In virtù di tale violazione e della dimensione economica di Girada (fatturato tra 2 e 6 milioni di euro nel 2018), l’Antitrust ha previsto una sanzione di 250mila euro.

 

A scanso di equivoci, lo staff di SkyLeaks non ritiene Girada, la sua struttura e politica di vendita consigliabili. Inoltre non considera il sito idoneo per essere suggerito sulle nostre pagine.

 

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - SkyLeaks.it | Do not miss any TechNews - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.