Il nuovo servizio prevede più di 350 giochi e app a soli 4,99 € al mese.

Google lancia la propria piattaforma giochi e app e lo fa ad un prezzo davvero concorrenziale. A soli 4,99 euro mensili, Play Pass dà la possibilità di accedere a più di 350 giochi e app.

Proprio come il Arcade di Apple, per l’utilizzo del gioco non è necessario l’acquisto in app. In aggiunta, Play pass prevede la condivisione del proprio abbonamento fino a cinque membri della famiglia. La differenza tra le piattaforme dei due colossi sta nel catalogo giochi. Nello specifico, se con Apple Arcade, i giochi sonno disponibili solo su App Store e sono previsti una serie di contenuti di nuova caratura, Google invece ha incluso nomi già sentiti come Monument Valley, Knights of the Old Republic, Facetune. Il catalogo, in questo caso, è ricco di titoli già disponibili e che saranno aggiornati mensilmente.

google play pass

Play Pass farà il suo debuto in scena proprio in questa settimana, negli Stati Uniti per arrivare poi in tutti gli altri paesi. Sarà possibile provare la nuova piattaforma in via del tutto gratuita per dieci giorni.  Esattamente come Arcade, gli abbonati potranno iscriversi a $ 1,99 al mese per il primo anno per un periodo di tempo limitato.

Fin qui solo buone notizie, ma gli sviluppatori non hanno accolto il lancio in maniera benevola. Secondo la politica aziendale, gli sviluppatori dei giochi e delle app incluse in Play Pass verrebbero pagati in base “al tempo spesso dagli abbonati sull’app e alla valutazione dei contenuti”. Un modello molto simile a quello di Spotify, oggetto di numerose polemiche. Come si legge dalla sua pagina, pare che Google stia cotinuando a “ritoccare il modello al fine di assicurare che i titoli che offrono un valore maggiore per gli utenti vengano equamente ricompensati”. Questo ovviamente non pone fine a una questione che sembra destinata momentaneamente a non avere un epilogo.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - SkyLeaks.it | Do not miss any TechNews - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.