Qualche giorno fa Corning ha presentato ufficialmente il suo nuovo Gorilla Glass 6.

I nuovi vetri Gorilla Glass 6 avranno un netto miglioramento e resistenza rispetto al precedente Gorilla Glass 5.

Il nuovo Gorilla Glass 6 e’ stato progettato per essere molto piu’ resistente rispetto alle versioni passate, ed e’ capace di resistere a numerose cadute (anche elevate). Logicamente lo scopo e’ di non far trovare l’utente con il vetro del proprio dispositivo in frantumi dopo una semplice caduta.

Android Central ha intervistato Scott Forester, il Division Vice President of Marketing and Innovation Products di Corning; ecco le sue parole:

Quello che abbiamo scoperto grazie al sondaggio globale è che la maggior parte degli utenti fa cadere lo smartphone sette volte all’anno, e metà delle volte lo fa da un’altezza di circa un metro. Con Gorilla Glass 6 abbiamo voluto concentrarci in particolare per risolvere questo problema, cioè quello di far cadere più volte lo smartphone. Nei nostri test, Gorilla Glass 6 ha superato il test di caduta da un metro per almeno 15 volte, il doppio rispetto a quanto si può ottenere con Gorilla Glass 5.

 

In breve il Gorilla Glass 6 promette di resistere ad una media di 15 cadute da 1 metro di altezza, anche se tutto cio’ non bastera’ ad avere una protezione garantita al 100%, infatti lo stesso Forester ha spiegato tecnicamente il motivo della rottura dei display dei nostri smartphone:

 

Piegando il vetro si crea uno stress sulla superficie dello stesso, ed è proprio quella la forza che separa il vetro e propaga le crepe, fino all’eventuale rottura. Quello che facciamo con i nostri vetri è inserire una controforza chiamata stress compressivo. In sostanza mantiene compressa la superficie e funziona come un’armatura che combatte contro la tensione che si ottiene nella caduta. Con Gorilla Glass 6 siamo riuscirti a mettere il 40% in più di compressione nella superficie del vetro.

Effettuiamo migliaia di test di caduta ogni anno. Guardiamo a quattro elementi importanti: lo spessore del vetro, quanto sporge dallo smartphone, quanto è rigido lo smartphone e se si tratta di micro rigidità. Quindi creiamo un puck e lo utilizziamo per testare tutti i nostri materiali.

 

Forester inoltre, ha parlato del vetro come uno dei materiali che puo’ essere migliorato in futuro, ed anche ai vantaggi che po’ avere rispetto ad un rivestimento in metallo del dispositivo, sopratutto in prossimita’ delle connessioni 5G:

Il vetro è dalla parte giusta della curva tecnologica, dal punto di vista dei materiali. Le reti 5G funzionano con microcelle, il cui segnale può essere peggiorato dalla pioggia e dalle condizioni ambientali e sono ipersensibili al metallo. Minore è la quantità di metallo nello smartphone, maggiore sarà la flessibilità nell’adozione di soluzioni 5G.

 

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - SkyLeaks.it | Do not miss any TechNews - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.