Nessuna tregua nella guerra commerciale tra le due superpotenze. Entrano ufficialmente in vigore i dazi.

Con oggi i dazi imposti dagli Stati Uniti alla Cina  prendono ufficialmente validità legale. Dopo il caso Huawei, l’ amministrazione Trump tira dritto verso una vera e propria guerra commerciale contro il governo cinese. I dazi saranno imposti sui beni importati dalla Cina e non sono esclusi da questi i prodotti Apple, come i vari iMac, Airpods e per finire gli Homepods. La lista dei 3000 prodotti sottoposti ai dazi è stata resa nota dalla US Trade Representative,la quale conta di accrescere la lista entro il mese di Dicembre.

Le spese imposte dagli Usa sui prodotti Apple come gli iPhone sono del 15%. Mentre Mac desktop, AirPods e gli Apple Watch subiscono un incremento 25% al 30%. L’ incremento è stato annunciato da un tweet del Presidente Trump dopo che la Cina non avrebbe risposto come sperato dal governo USA. In porche parole, il governo cinese ha confermato nuovi dazi sui beni statunitensi (tra cui il greggio) per circa 75 miliardi di dollari.

Questa guerra commerciale avrà una serie di conseguenze che i consumatori finali dovranno pagare. I dazi e il loro aumento comporteranno quindi un incremento notevole dei prezzi. Ovviamente dovremmo sperarci una pronta risposta dal governo cinese che potrebbe non porre fine a questa querelle peggiorandola ulteriormente.

Bisogna, inoltre, non bisogna sottovalutare una eventuale reazione dell’azienda di Cupertino che potrebbe caricare il costo dei dazi sui clienti. Al momento però non ne sembra intenzionata e dovrebbe essere in grado di assorbire i costi aggiuntivi che i dazi richiedono. I fornitori di Apple dovrebbero spostare parte della produzione fuori dalla Cina, ma le tempistiche non sono modeste e potrebbero essere necessari anni per farlo.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - SkyLeaks.it | Do not miss any TechNews - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.